top of page

Dov'è il Futuro: Concorso e Mostra Diffusa

Aggiornamento: 14 ott 2023


LOJELO ART GALLERY PRESENTA: DOV'È IL FUTURO

Le opere più visionarie del 2023

Vi lanciamo un'altra sfida: quando eravate piccoli cosa sognavate di fare da grandi? E cosa fate? Ve lo siete mai chiesto? Considerando il vostro passato, i vostri ricordi, il vostro presente, chi eravate e chi siete diventati cosa vedete davanti a voi? E per il mondo? Dov'è il futuro?

L'ARTE È LA MIGLIOR VIA CREATRICE CHE CONOSCIAMO

Aiutaci a immaginare molti FUTURI possibili

SEZIONI:

  • A) PITTORICA (fotografia,I:A,disegno a matita, grafica digitale ecc.)

  • B) SCULTURA

  • C) CORTOMETRAGGIO

  • D) POESIA

Il tema lascia spazio a qualsiasi interpretazione del futuro, che sia sognato, immaginato, desiderato o temuto, che sia una rappresentazione personale delle proprie aspettative private o per il nostro mondo, la nostra civiltà o qualunque cosa la vostra fantasia riesca a proiettare.

Ci teniamo a specificare che il concorso è aperto a tutti gli artisti che si sentono tali e che abbiamo deciso di creare per questo motivo diverse sezioni. Basterà specificare in quale categoria si vuole partecipare.

Le opere più belle vinceranno una prestigiosa targa in alabastro e il titolo di Opera più visionaria dell’anno.

Inoltre per le sezioni A e B vincita di una mostra personale organizzata dalla nostra galleria nel corso della stagione ai primi classificati, e una mostra bipersonale per secondi e terzi classificati.

Le votazioni avverranno tramite una giuria selezionata

Le iscrizioni dovranno pervenire entro e non oltre il 31 agosto 2023 e anche tutto il materiale richiesto.


Le opere dovranno pervenire materialmente almeno 1 settimana prima dell'inizio della mostra che si svolgerà dal 27 ottobre al 18 novembre 2023

Entro fine agosto deve essere inviata a noi una fotografia ad alta risoluzione della stessa con descrizione dell'opera (tecnica, misure, prezzo di vendita ecc) in caso di sezione A e B, per la sezione C deve essere inviato il file del cortometraggio, e per la sezione D un file word dell’opera.

Il tutto correlato da una breve biografia dell’autore per tutte le sezioni, gradito invio di una video presentazione dell’autore dell’opera.


A cavallo delle festività di Halloween legate alla morte e alla rinascita ci è sembrato il periodo migliore per esporre le vostre visioni del futuro. Abbiamo pensato che un po’ come l’amore, un’altra cosa che manca molto in questo periodo storico che stiamo vivendo è il futuro. Siamo certi che ne sentano la mancanza le vecchie generazioni come se gli fosse stato portato via senza preavviso ma anche che i nostri giovani faticano molto ad immaginarne uno.

DOV’È IL FUTURO?

Volete aiutarci a ritrovarlo?

SE QUESTA NOSTRA SFIDA TI ISPIRA ISCRIVITI SUBITO:

Invia una mail a : lagrandebellezzavolterra@gmail.com

Con oggetto: iscrizione concorso ‘Dov'è il Futuro’

Allegando ricevuta versamento quota di partecipazione


*Iscrizione 20 euro (contributo richiesto per ogni singola opera inviata potete inviarne due o più versando la quota per ogni opera partecipante)

+ 20 euro quota associativa (comprensiva di copertura assicurativa necessaria per esporre -solo per chi non fosse già associato- promo 10 euro per sezione giovani under 18 e promo scuole)

IBAN: IT57R0637071221000010084423

Intestato a La Grande Bellezza ETS

causale: quota partecipazione concorso ‘dov’è il futuro

(+ quota associativa)

  • Per le sezioni A e B le opere saranno anche disponibili per la vendita al pubblico nonché inserite sul nostro catalogo on line e verrà inviato regolare contratto dalla galleria.

  • Per la sezione C il file video deve avere una durata massima di 18 minuti

  • Per la sezione D il file word dovrà essere massimo di due cartelle.


Le iscrizioni dovranno pervenire entro e non oltre il 31 agosto 2023


Le opere di ogni sezione saranno esposte per una collettiva dislocata tra la nostra galleria e lo spazio espositivo di Via Turazza parte del palazzo dei Priori.


Dal 10 novembre al 19 novembre 2023


La Cerimonia di Premiazione avverrà sabato 18 novembre 2023 alle ore 17.00 presso la Sala del Maggior Consiglio a Palazzo dei Priori a Volterra.


L'evento è patrocinato dal Comune di Volterra, Teatro Persio Flacco, SIAF Volterra, Festival Internazionale Teatro Romano Volterra, Provolterra


In collaborazione con Carte Blanche, Etruria Pro e Libreria dell'Araldo


SCARICA QUI BANDO COMPLETO E SEGUI ATTENTAMENTE TUTTE LE ISTRUZIONI


bando dov'è il futuro completo
.pdf
Download PDF • 152KB


SCARICA QUI IL MODULO DI ISCRIZIONE ALL'ASSOCIAZIONE DA INVIARE COMPILATO E FIRMATO

Iscrizione associazione
.pdf
Download PDF • 57KB



GIURIA:


Simone Migliorini, direttore artistico, ideatore e fondatore del Festival Internazionale Teatro Romano Volterra. Attore e Regista teatrale, nonché gestore della libreria Migliorini di Volterra, mette in scena sia classici che contemporanei. Fine dicitore, esperto nella recitazione del verso antico e contemporaneo sia comico e drammatico. Riferimento la scuola attorale italiana ed europea. (principalmente inglese e francese) Ha maturato esperienze con Ermanno Olmi (Cinema) Giorgio Albertazzi (di cui è allievo), Alan Rickman e a molti altri grandi attori e attrici, cantanti lirici e musicisti italiani e non.

Laura Bertolini, poetessa, nasce a Cecina il 15 Gennaio 1978 e ha vissuto negli Stati Uniti a Davis, California.

Scrive le prime poesie all’età di 8 anni, sorprendendo gli adulti per la sua precoce vocazione letteraria e per la straordinaria facoltà di percepire il colore di tutto ciò che la circonda. L’elemento della Natura, nelle sue colorate manifestazioni, con i suoi odori, si mescola all’umano in quanto essenza primordiale, forza generatrice e rigeneratrice.

Vincitrice di concorsi dedicati alla poesia, sia in Italia che in California, ha pubblicato le sillogi “Sono un angelo dimenticato” Ed. La Palma 1998, “Nessuna musa di cristallo” Vitale edizioni 2006, “Extreme Fishing”, “I colori dentro” in autoproduzione, e l’ultima opera “Sospesa fra due mondi” MdS editore 2019.

Ha al suo attivo decine di readings di poesie in Italia e negli Stati Uniti che le hanno valso premi, citazioni e pubblicazioni su riviste specializzate.


Michelino Iorizzo affermato artista contemporaneo nasce a Roma nel 1971 e dopo aver terminato il Liceo Artistico, nel 1993 si diploma all’Accademia delle Belle Arti di Roma. Segue un periodo di insegnamento privato in Italia e all’estero, in particolare in Accademie orientali (Hubei University, Cina). Da un iniziale racconto di paesaggi astratto-figurativi, prosegue la sua ricerca artistica dedicandosi ai ritratti femminili. Misteriosi, a volte sognanti e malinconici, i volti ritratti da Iorizzo in realtà non esistono se non nella sua immaginazione, nel ricordo di un fugace incontro o nei sogni più reconditi dell’artista. Iorizzo scava nella materia pittorica, corrode la superficie lasciando emergere su ogni volto una patina di antico che lo lega al passato.


Cinzia De Felice, - Direzione organizzativa Carte Blanche | Compagnia della Fortezza. Project e marketing communication manager.

Direttrice organizzativa e curatrice di progetti artistici interdisciplinari di arte e rigenerazione urbana, di grandi progetti teatrali partecipativi che si realizzano attraverso il coinvolgimento delle comunità e la trasfigurazione di luoghi attraverso interventi artistici, tra questi: Le Rovine Circolari (#trentannidifortezza- Larderello 2018, La Ferita (VolterraTeatro 2014) un evento performativo ispirato all’opera di Maria Lai, Pilade/Campo dei Rivoluzionari (Volterrateatro 2015) nella grande struttura industriale della Salina Nervi, Mercuzio non Vuole Morire, evento teatrale collettivo itinerante nelle piazze italiane, Luoghi Comuni Reloaded, nell’area esterna dell’Ex Ospedale Psichiatrico di Volterra, Progetto NATURAE (#trentannidifortezza 2020) nello spazio industriale della Salina di Volterra, La Città Ideale per Festival Volterra Teatro (2016) che ha visto coinvolta in un progetto pilota di gestione organizzativa l’associazione studentesca VaiOltre! e il grande progetto installativo nel centro storico di Lajatico La Compagnia della Fortezza nella Salina di Volterra. Dal 1996 al 2016 è stata direttrice organizzativa del Festival VolterraTeatro per il quale ha anche ideato e curato in prima persona progetti speciali e mostre,. Dal 1993 ad oggi è direttrice organizzativa, project manager e curatrice dei progetti della Compagnia della Fortezza e dell’ associazione Carte Blanche con la quale ha ideato Per Aspera ad Astra, promosso da ACRI, grande progetto pilota di rete tra 11 fondazioni bancarie e 16 realtà teatrali che operano nelle carceri e il progetto Sogni e Bisogni, per l’Impresa Sociale Con I Bambini, finalizzato alla prevenzione ed al contrasto dell’abbandono scolastico e dell’impoverimento culturale, da cui hanno preso vita il progetto di arte urbana ONIRONAUTI , e Anti Social Social Park progetto di rigenerazione urbana di un parco pubblico attraverso azioni culturali gestite da giovani di Vai Oltre! e per la quale organizza annualmente rassegne teatrali nel Teatro di San Pietro. Il 2022 la vede project manager anche del progetto “La Miniera della Memoria”, progetto sul bando di Montecatini Val di Cecina, vincitore del PNRR linea b - Attrattivita' Borghi Storici. Nel 2023 è Project manager del progetto WUNDERKAMMER FORTEZZA, tra gli assegnatari del bando nell’ambito del PNRR, Transizione digitale organismi culturali e creativi “Capacity building per gli operatori della cultura per gestire la transizione digitale e verde”. È stata cultural project manager e responsabile della comunicazione, social media manager e nel team di organizzazione e progettazione per il percorso di candidatura di Volterra a Capitale Italiana della Cultura 2022 e responsabile dell'organizzazione generale di Volterra Prima Città Toscana della Cultura 22 titolo attribuito dalla Regione Toscana a Volterra per premiare il virtuoso progetto di candidatura.

Ha curato e co-curato mostre con artisti internazionali come Daniele Basso, Luca Serasini e Alberto Bartalini.

Dal 1993 cura i progetti e la direzione organizzativa della Compagnia della Fortezza di Volterra. Ha iniziato la sua carriera come responsabile di produzione e assistente alla regia di registi e drammaturghi come Mario Martone, Giorgio Barberio Corsetti, Peter Stein, Gigi Dall’Aglio, Walter Le Moli, Marco Parodi, Cristina Pezzoli, Enzo Moscato, ha collaborato professionalmente per un decennio con il Teatro Stabile di Parma lavorando in festival Internazionali come quello Avignone.

Massimo Barlettani, noto artista contemporaneo è nato a Volterra nel 1956. Nel 1989 ha fondato l’agenzia di pubblicità B&A. Ha vinto numerosi premi per la creatività. Si è occupato di editoria d’arte e, con la “Zeta Scorpii Editore”, ha ideato e pubblicato decine di volumi.

Il contatto professionale continuo con fotografi ed artisti internazionali lo ha portato a sviluppare una sensibilità molto particolare.
La sua ricerca artistica si è sviluppata con un percorso che dalla pittura astratta si è evoluto in una ridefinizione figurativa di elementi iconici in particolare figure femminili ed elementi naturali.

Dal 2012 sta sviluppando una ricerca sul tema della vita e della sua rappresentazione simbolica attraverso rarefatte immagini floreali.


Dario Danti, Assessore alla cultura per il Comune di Volterra, professore di filosofia a Pisa.





Davide Giampiero Arcieri, originario di Susa e Volterrano di adozione per il Comune di Volterra, dal 2015 al 2019, ha ricoperto la carica il Presidente del Consiglio di Amministrazione, dell’Azienda Pubblica di Servizi alla Persona “Santa Chiara”. Presiede il Seggio Accademico della storica Accademia dei Riuniti, che gestisce da 200 anni il Teatro di Volterra, splendido esempio di teatro all’italiana, intitolato al poeta "Persio Flacco".

Socio della Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra, dal 2020 è il Presidente della SIAF, la Scuola di Alta Formazione a Volterra.


Ivan Karas artista ucraino trapiantato a Roma Ha studiato all’Istituto di arti applicate e decorative di Leopoli e all’Accademia delle scienze romana (anni ’90) e si è laureato presso la Scuola di restauro degli affreschi e della pittura murale (Roma, 2000).

Partecipante a mostre internazionali dagli anni 1990. Mostre personali – a Roma (2000, 2002), Vaticano (2002). Le aree principali sono la pittura monumentale, la pittura di icone, il restauro.

Ha creato circa 200 icone (1993-2000), ritratti – “Papa Giovanni Paolo II con il Patriarca della Chiesa ortodossa di Romania” (1999), “Papa Giovanni Paolo II con Madre Teresa di Calcutta” (2001).

A Roma dipinse il Pontificio Collegio. St. Josaphat restaurò le tele di Rigardi (17 ° sec.) E ricostruì il soffitto nella chiesa napoletana del XVI secolo.


Filippo Lotti, giornalista e curatore d'arte, è nato a Pontedera (Pisa) nel 1972 e vive nel comune di San Miniato (Pisa). Dal 1996 al 2005 è stato animatore della Galleria Immaginarte a Pontedera e successivamente (fino al 2006), sempre nella stessa cittadina, direttore artistico dello spazio espositivo FuoriLuogo. Attivo referente culturale per l’associazione culturale La Ruga e cofondatore dell’associazione culturale Centolire, entrambe di Ponte a Egola (Pi). Lavora nel campo dell’arte contemporanea organizzando e curando mostre e pubblicazioni a carattere artistico e culturale. Collabora con gallerie private e con spazi pubblici oltre che con riviste culturali e di settore; inoltre, scrive testi critici su siti di arte e cultura. Nel 2008 ha avuto un importante riconoscimento dal quotidiano Metropoli Day come giovane operatore culturale. Dal 2009 al 2011 è stato direttore artistico di LariArte per il quale ha organizzato mostre ed eventi al Castello dei Vicari di Lari. Collabora continuativamente con il giornalista Fabrizio Borghini e con la rubrica televisiva di Incontri con l’arte di Toscana Tv. Attualmente è direttore di FuoriLuogo, un’agenzia di servizi per l’arte. Ha al suo attivo oltre 100 mostre allestite come curatore.


Emanuele Garletti giovane artista contemporaneo è nato nel 1976 a Brescia. Vive e lavora come designer 3D a Salò sul lago di Garda. Autodidatta si avvicina alla pittura grazie alle prime nozioni scolastiche ricevute sull'assonometria e la rappresentazione di figura solide in tre dimensioni. Menzionato in vari concorsi tra i quali: Cairo Editore, Combactprize e Art Laguna prize. Ha esposto in varie personale e collettive a Roma, Torino, Venezia, Firenze, Londra, Sorrento, Milano e Seul.


Karen Lojelo, scrittrice, nasce a Roma il 25 giugno del 1976. Ha pubblicato il romanzo 'L’amore che non c'è' e una raccolta di poesie 'Binario 8', il romanzo L’ebbrezza del disincanto con cut up edizioni. Nel 2013 è andato in scena uno spettacolo teatrale scritto da lei: Riflessi con la regia di Virginia Pavoncello. Nel 2018 pubblica il romanzo 'Non ti scordar di te' pluripremiato ed edito da Viola editrice. Segue il libro Margherita, l'amore uccide lentamente e infine Matrioska un thriller vincitore del premio golden selection e selezionato tra i 200 libri più belli d'Italia edito da Pegasus edition.

Presidente dell'associazione culturale 'La grande bellezza' gestisce la Lojelo art gallery a Volterra.

Ha fondato e gestisce di un sito multi autore che promuove la scrittura e l’arte in tutte le sue forme www.wordshelter.it dal 2009.


Sara Marucci, Tesoriere dell’Associazione La Grande Bellezza, coordinatrice e presentatrice di eventi culturali, appassionata di letteratura, teatro e arte da sempre, si occupa insieme al consiglio di gestire e selezionare artisti per la Lojelo Art Gallery curando le relazioni con gli stessi.





Pedro Bessi, è stato per anni il General Manager del Park Hotel le Fonti a Volterra. Vice Presidente della Lojelo art gallery, ha respirato arte fin da piccolo, proviene infatti da una famiglia di scultori e sin dalla giovane età ha sempre disegnato con grande passione. Ha conosciuto la tecnica a olio a quattordici anni. Ispirato sin da piccolo ai gessi dei nonni, una scuola purista che con l’adolescenza ha rifiutato per cercare dentro di sé l’espressione che sentiva più intima, anche grazie alla scoperta di nuovi artisti. Molto legato alle avanguardie del primo novecento, in particolare all'espressionismo tedesco.



Angela Fivizzoli, titolare della storica Libreria de l'Araldo di Volterra, situata vicinissima al centro storico di Volterra, rappresenta un punto di riferimento importante per la Città che la ospita e per il territorio circostante. Aperta dal 1935, la Libreria attualmente ha trovato la sua sede nel Palazzo Ricciarelli-Dello Sbarba, dimora storica di Volterra, al n°30, la più vecchia della provincia di Pisa gestita appunto da Angela, figlia del fondatore .

Nella Libreria De L’Araldo trovano posto : incontri con l’autore, conferenze, corsi, presentazioni di libri, eventi e concorsi che sono divenuti parte integrante dell' attività. La titolare vuole che la Libreria sia un luogo di incontro e di confronto, in un ambiente accogliente in cui scegliere le proprie letture, per questo ha pensato alla Libreria De L’Araldo come un luogo dove modernità e tradizione si incontrano: attenta alle novità del mercato editoriale e con tanta passione si rivolge anche alle letture vintage.


Pilade Cantini, poeta. San Miniato, 1972. Praticamente un cantastorie. I suoi primi racconti e poesie sono apparsi in Le cose si complicano, volume uscito nel 1998 (vincitore del Premio Bancarotta per l'editoria umoristica nel 1999) scritto con Marzio Matteoli e Franco Giannoni e introdotto da Ivan Della Mea e Francesco Guccini. Da allora ha pubblicato circa una ventina di libri tra narrativa, saggistica e poesia, con particolare attenzione alla cultura popolare (Le ottave der Beìni, 2010), al teatro (Il Drago di Montelupo_, con Giuliano Scabia, 2004), alla storia contemporanea (Dal primo sciopero alla grande guerra, 2005; Piazza Rossa, 2014, Marcovaldo Punk, 2019). Poesie di facili costumi, sono le raccolte realizzate con Giacomo Caramelli: la prima uscita nel 2002, la seconda nel 2022. La terza uscirà nel 2042. Nel 2009 ha vinto il Concorso Ottottave organizzato dalla LIPE - Lega Italiana Poesia Estemporanea. Ha fondato diversi gruppi musicali (Rossi pe' Forza, Inti-Illipiedi, Aeroflot feat. CRM, Dododùo). Ha scritto su molte riviste; collabora da anni con Il Vernacoliere di Livorno e l' Informatore Coop di Firenze.

595 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page